Management by Accessories

Management by Accessories

When I started to climb the corporate ladder all those years ago, I did not pay much attention to the accessories that my superiors carried because I mainly focused on their attitude—and my way of dealing with it.

It’s perfectly understandable that, when you can only manage up and not down, a dispassionate analysis of your boss’s accoutrements is an exercise you have no time to engage in. My number one priority at that time was to identify the boss’s character traits and come up with survival strategies that would work.

Having said that, I was fortunate enough to have had a couple of great bosses whose attitudes and styles I thought were the gold standard. So I readily absorbed them and later used them to great advantage when my turn came to be in charge. (Still, having had just two or three good bosses in nearly 40 years is kind of depressing.)

Now, on the sort of objective reflection you can only embark on when you’re no longer in the race, I’m reminiscing about the trappings and paraphernalia that managers used to display in their daily exercise of authority.

I’m not going to mention the ubiquitous writing instruments by Montblanc, nor will I touch upon the subject of sartorial choices. The latter is just not my thing and these days, when I occasionally glimpse at the neckties hanging in my closet, I feel an immense wave of relief knowing I don’t have to wear one.

Today I want to talk about briefcases and assorted receptacles for documents and personal items.

At the outset of my career, in the early 70’s, the attaché case was an unmistakable clue to an individual’s upward mobility. Only a successful person would bring work home or head to the airport on some all-important assignment.

In those days, the briefcase of choice would probably be a Samsonite, with a light aluminum frame and polycarbonate sides. Toting a leather briefcase, however, would signal an even higher station in life (or at least, higher aspirations).

An overnight case was somewhat thicker and implied a hotel stay somewhere, and clearly augmented one’s perceived relevance. Interestingly enough, this item has not entirely gone out of style. In fact, you can score a delightful one by Mark Cross for the paltry sum of €1920,00.

Over the years, the attaché case became less angular and stiff, and firmly espoused leather as its favorite material. If you still carried a hard plastic case in the Eighties, you probably came from beyond the Iron Curtain—or so people thought.

An Italian manufacturer, The Bridge of Florence, came up with a handsome brown leather briefcase, which sold like hot cakes and was promptly dubbed “the architect’s case” because of two leather straps on the front. They could be used to secure rolled-up drawings (or, more likely, a collapsible umbrella). Having reached the heady heights of middle management, I thought I owed myself one, even though I’m no architect and do not even own any umbrellas, collapsible or otherwise.

I must have used that briefcase no more than half a dozen times and then relegated it to a dry corner of my cellar. In fact, you can have it if you want. I saw an excellent one for sale on eBay at less than €100,00, so my request will be more than reasonable.

Things get hazy from here on down. I still seem to recall the transition from the classic leather briefcases to messenger bags, but I was completely taken aback when—a mere eight years ago—a young CEO I was meeting for the first time showed up carrying a backpack. And he wasn’t going hiking, either.

Considering that this younger gent and I were supposed to work together on a 12-month project, I felt I had to assimilate. So I went and got myself a trendy backpack.

I bought a ridiculously expensive Piquadro leather backpack, which has served me well for the past years and still looks terrific. Some slight scuff marks on an otherwise immaculate item make it more lived-in and unique.

But here I’m reminded of a great quote from one of my few good bosses. It was 1985 and we were discussing the ultimate symbol of success.

“A platinum credit card”—I ventured, but he shook his head no. He then chuckled and said, ““Actually, it’s no credit card at all. Meaning that your expenses are taken care of by someone else.

He had a point.

So, in conclusion, you know you’ve made it to the top when you no longer need a laptop compartment in your backpack because you’re no longer schlepping a laptop wherever you go. You actually don’t even need the stupid backpack—just carry all your data in a thumb drive. Someone else will provide the hardware when you reach your destination.

A smartphone and a toothbrush will handle the rest.

 

A tutti i cretini

A tutti i cretini

Ricevo questa e-mail su un account di posta Yahoo.
Da notare che il mio nome e cognome non compaiono da nessuna parte nel testo del messaggio.

Ma c’è ancora qualche cretino che ci casca?

 

CITIBANK INTERNATIONAL NEW YORK
DIRECTOR, FOREIGN OPERATIONS DEPARTMENT
ADDRESS: 87-11 Queens Boulevard, Elmhurst, NY 11373
OUR REF: CTBNYUS/BBU
From Desktop of Mr. kelvin Williams
DIRECTOR OF FUNDS CLEARANCE UNIT.
Attention Fund Beneficiary,
Payment Release Instruction from Federal Reserve Bank of New York
Acting on our capacity as the international correspondent bank to the International Monetary Fund Organization, this is to officially notify you that we have received a confirmation advice from the International Monetary Funds External Auditors Committee, World Bank, United Nations Organization and the Federal Reserve Bank of America respectively via International Payment Voucher Number: IMF/FRBWDC/BOA-93WB82UN567-G requesting our bank Citibank of New York, to disburse your due wining/inheritance  contract payment valued at Ten Million Three Hundred Thousand United States Dollars (US$10.3M) in your favor.
In consideration of the above, you have been issued with this Exclusive Reference Identification Number (IMF/FRB-NY/9USXX10751/09)Transfer Allocation No.: FRB/X44/701LN/NYC/US, Password: 339331, Pin Code: 78569, Certificate of Merit No: 104, Release Code No: 0876; Secret Code: XXTN014. Having received these vital payment numbers, you are instantly qualified to receive and confirm your payment within the next 96hrs. As necessary clearance has been granted from the International Monetary Funds External Auditors to release the funds to you with immediate effect.
In view of this directive received from the International Monetary Funds (IMF), we have on our own part verified your payment file as directed to us, and your name is next on the list of outstanding fund beneficiaries to receive their payment at this Second quarter of year 2018. With that being done, you are required to urgently contact Citibank  in New 
We wish to inform you of the need for you to also re-confirm the following information before the Citibank to enable us proceed with the preliminary arrangements that will enhance the immediate release of your funds. Owing to security reasons, be clearly informed that we will not respond to any phone calls/general inquiries placed to our bank with regards to the remittance of your funds by beneficiaries as we are barred from doing so, you are therefore advised to communicate only with the accredited officer for further remittance advice.
1) Full Name;
2) Full Address;
3) Your contact telephone and fax number;
4) Your Age and Profession;
5) Copy of any valid form of your Identification;
6) Your Bank name;
7) Your Bank Address;
8) Account name and Number;
8) ABA/Routing Number;
10) Swift or Sort Code:
Thank you for your anticipated co-operation.
TREAT AS URGENT.
Mr. Kelvin Williams
DIRECTOR OF FUNDS CLEARANCE UNIT.
CITIBANK NEW YORK
—————————————————-
All the news that’s fit to misprint

All the news that’s fit to misprint

As you might have noticed, I never miss an opportunity to poke sarcasm at the press. It’s funny because my very first job was as a junior reporter and a few years later I switched sides and became a Press Officer, dealing with the so-called Fourth Estate on a daily basis. That’s when I actually realized most journalist are up for sale—and most of those who are not bought and paid for are not worth a damn.

And I could rant for hours about those journalists who think they are the news, but let’s keep it light and funny. Let’s talk instead about the stupidity of the press.

If you, too, often suspected that most journalists are actually stupid, here you’ll find a few headlines that will prove you—and me— right.

Enjoy.

      

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ignoranti con tessera

Ignoranti con tessera

Torniamo a parlare di ANSA, l’Agenzia Nazionale Somari Accreditati, che già da tempo funge da organo del PD e fa sempre peggio il suo mestiere di agenzia di notizie.

Nonostante sia popolata da giornalisti ‘tesserati’ (o forse proprio per quello), l’ANSA ti regala ogni giorno un carico inesauribile di sfondoni, che vanno dal classico refuso all’errore di grammatica o di sintassi che contraddistinguono l’ignorante DOC. La totale mancanza di supervisione (che fine hanno fatto gli editor?) completa il deprimente quadretto.

Guardate il titolo riportato sopra. Non vi viene in mente un grottesco festino in cui uomo e animale si mangiano i poveri resti della vittima?

Solo leggendo l’intero articolo riuscite faticosamente a capire che anche il povero cane era stato vittima del folle. A occhio ci sono almeno tre diverse soluzioni per rendere quel titolo in maniera più comprensibile, ma per il cronista ANSA andava già bene così.

Altro capolavoro riguarda il titolo del pezzo riguardante i preti pedofili. “Piaga più  mostruosa  a interno della Chiesa’.
Che  ve ne pare come italiano?  Anche qui, c’erano  più  modi  di rendere comprensibile il titolo, ma troppa era la fretta di dare  la  notizia.
Preti  pedofili? Ma va  chi  l’avrebbe  mai  detto?

Ma andiamo oltre: un cargo norvegese si ripara in rada a Pozzallo per sfuggire al maltempo.

Dopo quello splendido sottotitolo (“Cargo squarcia fiancata cargo”) pensereste che questo articolo non abbia più nulla da offrire. E invece no. Basta scendere di un paio di righe per scoprire che la nave in questione ha una bandiera norvegese lunga 228 metri. Roba da Guinness dei primati.

E per proseguire in bellezza, vi segnalo che (almeno a detta dell’ANSA) la carriera di magistrato è aperta anche ai canidi. Il brillante titolista dell’Agenzia Nazionale Somari Accreditati colpisce ancora creando la figura del giudice cane. E dire che, con un veloce lavoro di punteggiatura ce l’avrebbe fatta a sfuggire al ridicolo.

Come chiusura, vi propongo una brillante nuova espressione creata da quei geniali ebeti dell’ANSA. Quando una notizia di cronaca nera riporta l’uso di armi da fuoco, è ora possibile utilizzare la frase ‘regolamento di colpi’, in sostituzione del banale ‘regolamento di conti’ che fa parte a buon diritto della lingua italiana.

Incredibile ma vero, non c’è praticamente un solo articolo sul sito dell’agenzia che non presenti almeno un ‘fiore’ di questo tipo. E questo tutti i santi giorni. Non è umanamente possibile essere così cialtroni—secondo me lo fanno apposta.

 

Una finestra sulla piazza

Una finestra sulla piazza

Jackson, Wyoming, alle 4 del mattino di metà Gennaio

Nel Wyoming c’è una cittadina chiamata Jackson, situata a 1900 metri di altitudine in una vallata che nell’800 battezzarono Jackson Hole, .

Jackson è una località prevalentemente turistica, in una zona di straordinaria bellezza, dove sono stati girati diversi film di successo già dai tempi di John Wayne, ma anche più recentemente titoli come Balla coi Lupie Django Unchained.  

Jackson ha circa 10.000 abitanti, è al centro di tre comprensori sciistici e si trova a breve distanza da due parchi nazionali, Yellowstone e Grand Teton.

Un’idea all’apparenza balzana che ha contribuito alla crescente popolarità di Jackson è stata quella di installare un paio di anni fa delle webcam in posizioni strategiche nel paese.

Una in particolare è collocata al primo piano di un immobile all’incrocio tra West Broadway e South Cache Street. La webcam è ad alta definizione e dotata di audio e copre l’angolo sud-ovest della piazza centrale, la Jackson Town Square.

L’ora locale a Jackson è 8 ore indietro rispetto all’Europa centrale e, quando qui da noi sono le 12:00, lì sono le 4 del mattino.

C’è qualcosa di inspiegabilmente affascinante nell’osservare un incrocio stradale deserto, con l’asfalto coperto dalla neve e i semafori rossi che lampeggiano in un silenzio totale. Solo saltuariamente, annunciato dal brontolare cupo di un motore V8 a benzina, transita lentamente un pickup o un SUV. Poi di nuovo il silenzio e l’unico movimento è la neve che scende abbondante.

Oltre l’incrocio si intravedono un angolo della piazza e uno strano arco imbiancato che però non è un cespuglio sagomato dai giardinieri. Ad ogni angolo della Town Square si trova uno di questi quattro archi costruiti con le corna dei wapiti (Cervus elaphus canadensis), raccolte dopo la loro muta.

Quando il mio lavoro mi vede al PC, ho ormai preso l’abitudine di aprire il link con la live webcam di Jackson e a indossare le cuffie per averne l’audio come sottofondo.

Ogni tanto, quando in Wyoming è notte fonda, sento arrivare un veicolo e interrompo il lavoro che sto facendo per dare un’occhiata.

E’ come se abitassi al primo piano di 10 West Broadway e mi affacciassi alla finestra nel cuore della notte, o anche in pieno giorno quando da noi fa già scuro.

Si è rivelato un passatempo rilassante e del tutto gratuito ma non riesco a spiegarmi perché mi attrae. Ho letto che di media ci sono 2000 persone nel mondo che si affacciano contemporaneamente alla stessa finestra sulla piazza di Jackson. Tutti matti?

 

C’era una volta il West

C’era una volta il West

Uno dei nomi più celebri nell’Olimpo dei compositori di musica da film è quello di Ennio Morricone. Ricordo ancora l’impatto della sua innovativa colonna sonora in Per Un Pugno di Dollari quando il film apparve sugli schermi nel 1964. Era una base musicale profondamente diversa e più immediata di quelle alle quali i western tradizionali ci avevano abituato.

Da allora, il nome di Ennio Morricone si è abbinato a una serie di film di grande successo, italiani e stranieri, e l’opera del maestro vanta un enorme numero di appassionati in tutto il mondo.

Di tutta la sua opera, il brano più emblematico e coinvolgente a mio avviso è il tema conduttore di C’Era Una Volta il West (1968).

Nella versione originale l’apporto della straordinaria voce soprano di Edda Dell’Orso ha reso indimenticabile questo brano ed è il punto di riferimento per tutti i rifacimenti che ne sono apparsi nel corso dei decenni.

Per curiosità, ve ne propongo qualcuno.

La soprano olandese Claudia Couwenbergh a detta di molti rappresenta, nella sua interpretazione di questo brano, la migliore erede di Edda Dell’Orso (oggi ottantatreenne). Il video è del 2013.

Una sorprendente interpretazione è stata proposta dalla giovanissima Patricia Jane?ková, della Slovacchia, che ai tempi di questo video aveva 14 anni.

André Vásáry, soprano ungherese, ci offre la sua singolare interpretazione di C’Era Una Volta il West
Non avrei mai pensato che una voce maschile potesse essere presa in considerazione per questo brano—e chiaramente mi sbagliavo.

Un’altra singolare versione viene dalla Romania, dove Petruta Küpper usa il flauto di Pan invece della voce.

Forse l’alternativa più sorprendente alla voce umana è quella proposta dalla musicista ungherese Katica Illényi, che ha usato il theremin, uno strumento elettronico inventato nell’URSS e che compie cento anni nel 2019.
Ad accompagnarla, in questo video del 2015, era l’Orchestra Filarmonica di Gyor.

E per concludere questa carrellata di interpreti del capolavoro di Ennio Morricone, vi propongo la mezzosoprano norvegese Teva Semmingsen, accompagnata dalla magnifica Danish National Symphony Orchestra.